Istituto Bodoni Paravia di Torino

Istituto Bodoni Paravia di Torino

 
2.3 (1)
Scrivi Recensione
Indirizzo
via Ponchielli 56, Torino
Numero di telefono
0112481486
Comune
torino
L'Istituto Tecnico Industriale Bodoni per la Grafica, Cinema e Fotografia e l'Istituto Professionale Paravia per la grafica, fotografia e audio-video, si trovano a Torino in Via Amilcare Ponchielli 56. L'Istituto garantisce conoscenze specifiche sui processi di comunicazione sotto il profilo informatico - tecnologico, sociologico, storico, estetico e pubblicitario nonché economico e giuridico, oltre a fornire un bagaglio culturale a carattere generale accompagnato da capacità linguistico - espressive e logico-interpretative. L'insieme di queste competenze, con ulteriori approfondimenti, potranno essere canalizzate verso figure professionali off-line, quali progettista, produttore esecutivo, redattore multimediale, sviluppatore informatico, assistente di produzione, direttore artistico. Oppure on-line: redattore on-line, web watcher, grafico web, web master.

Recensione Utenti

1 recensioni

Voto medio 
 
2.3
Insegnamento 
 
2.0  (1)
Laboratori 
 
3.0  (1)
Ambiente 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Insegnamento
Laboratori
Ambiente
Scuole
Commenti
Voto medio 
 
2.3
Insegnamento 
 
2.0
Laboratori 
 
3.0
Ambiente 
 
2.0

Una delusione

Era considerata una delle migliori scuole, peccato che sia peggiorata molto, un vero peccato. Per chi ha intenzione di iscriversi in questa scuola, non si faccia ingannare dall'open day perchè le attività che si faranno sono inferiori rispetto a quelle che promette (ad esempio io non ho ancora fatto il web design, e dovevo in teoria farlo in quarta!) ma questo dipende molto da che professore hai più che dall'anno in cui ci si trova, Oltretutto uscendo da questo istituto si dovrà fare un corso di formazione professionale o simili perchè hai a malapena (ma neanche tanto direi...) un'infarinatura di (quasi) tutti gli argomenti che tratta questo istituto. E pensare che io ero entrata con delle entusiasmanti premesse, puntualmente deluse, un vero peccato...

Classe frequentata
Punti di forza della scuola
Il bar, alcuni dei progetti cui la scuola aderisce e le sue materie d'indirizzo (è una delle poche scuole di Torino ad avere come indirizzo Grafica e Comunicazione, sarà per questo motivo che in molti si iscrivono in questa scuola).
Punti deboli della scuola
L'organizzazione caotica e mal gestita; i laboratori lacunosi (ad esempio nell'aula dove si registrano le voci per il doppiaggio, è assente lo schermo video, cosa che invece è fondamentale) e con attrezzature vecchie (ad esempio l'utilizzo di videocamere a cassette) e la maggior parte dei professori, specialmente quelli d'indirizzo che portano a calare enormemente di qualità l'istituto.
Commenti sui professori
Il punto cruciale sono proprio i professori, che sono il pilastro dell'apprendimento di uno studente. Una buona parte di loro, riferendomi per lo più a quelli d'indirizzo, sono invece così: non hanno voglia di insegnare (va bene che la maggior parte degli studenti disturbano e non hanno voglia di far nulla, però il professore è pagato per fare il suo dovere e se ha veramente la passione non avrà problemi ad insegnare nelle classi, anche in quelle più difficili), spiegano poco e male, la teoria è quasi mai applicata alla pratica, confusionaria e approssimativa, attività di laboratorio (alle quali pur essendo principianti, i voti sono sempre scarsi rispetto alla teoria a meno che non venga un risultato da professionisti) spesso assegnate senza darci le basi fondamentali come se fossimo già dei professionisti imparati, lasciando arrangiare l'individuo (o il gruppo) che per vari dubbi o problemi dovrà chiamare il prof. di turno che certe volte manco lui sa cosa fare (se non lo sanno loro come possono saperlo gli alunni?). È grazie alla maggioranza di loro che ho perso l'entusiasmo nelle ore di laboratorio dal triennio in avanti; infatti devo dire che mi sono trovata meglio coi prof. del biennio, dove avevano più voglia di insegnare e ho fatto lavori più interessanti in quel periodo che attualmente. Per i prof. di materia di cultura generale, sono stata più fortunata: fanno il loro dovere e spiegano bene anche se sono un po' egocentrici con la loro materia e con l'orientamento verso cui ci vogliono spingere all'università, "penalizzando" chi non vuole andarci.
Trovi utile questa opinione? 

Altri contenuti interessanti su QScuole