Dettagli Recensione

Voto medio 
 
3.0
Insegnamento 
 
5.0
Laboratori 
 
1.0
Ambiente 
 
3.0

De Profundis

Il Michelangelo, che la mia famiglia ha frequentato per tre generazioni, è un banco di prova per gli aspiranti a primeggiare nella società di Firenze e fuori.
Da studente mi sono trovato di fronte una duplice sfida:
1) imparare ad abbeverarsi alle fonti del sapere, illustrate e profuse da persone di cui non posso che avere un ricordo grato ed indelebile, ma difficili da sorseggiare ed assimilare.
2) quella di fronteggiare la complessa stratificazione sociale di Firenze, che al Michelangelo, più che in altri licei fiorentini è presente in stridente concentrato: a contatto con persone che, estratte da alte classi sociali, scendenti da ville a Fiesole o al Piazzale Michelangelo, figli di illustri professori, medici, avvocati, a quattordici anni credevano di conoscere già tutto e tutti quelli che vale la pena di conoscere, e giù fino a persone che, provenienti da ambienti diametralmente opposti, dovevano fare la strada in salita sotto il tiro degli snob di ogni tipo.
In altre parole, uno spaccato sociale che a me, di classe media, era ignoto fino al primo giorno della quarta ginnasio.
Concludendo, non ho mai faticato tanto né ho subito pressioni e confronti sociali, quanto negli anni del Miche.
Fatica del lavoro, compagni non sempre benevoli, tutte cose cui tutto sommato ci si deve abituare prima o poi, quindi meglio prima.
Però attenti alla crisi: a me venne in prima liceo.
Dopo, nel mondo fuori, ho sempre percepito (e goduto) il rispetto istintivo degli altri. E lo sentivo provenire dall'essere di Firenze e avere fatto il Miche!
Allo stesso tempo dal periodo del liceo è scaturita la compagnia di amici che è stata una costante di tutta la mia vita e anche di questo rendo grazie.

Classe frequentata
sez. A dal 1964 al 1969
Punti di forza della scuola
la tradizione di alto livello di insegnamento e di alto livello di ambiente.
Punti deboli della scuola
Edificio antico e strutture sportive inadeguate.
Commenti sui professori
Gli insegnanti del Michelangelo hanno contribuito a determinare l'atteggiamento nei confronti del sapere e della cultura, del vivere civile, dell'essere sposi e genitori mio e degli amici di tutta la vita che hanno avuto la sorte di condividere la mia classe.
Trovi utile questa opinione? 

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1  
 
Per Ordine 
 
Inviato da susanna bernini
24 Febbraio, 2015
Condivido parola per parola il giudizio e le esperienze di Federico. Io ho frequentato il Miche dal 1972 al 1976, e ancora mi struggo di rimpianto e gratitudine per il godimento spirituale che mi è derivato dall'affrontare soprattutto greco e latino con una professoressa stupenda, supportata dalla competenza, bravura e pazienza di tutto il resto del corpo insegnante. Certo che non mi hanno regalato nulla, sono stati anni di studio matto e disperatissimo, ma che palestra mentale! E l'orgoglio di aver frequentato proprio quel liceo classico,la stima nello sguardo degli esaminatori all'università quando dopo un bel 30 mi chiedevano dove avessi studiato, tanti compagni anche snob ma poi, in fondo, simpatiche canaglie... insomma anni senz'altro formativi, anche sul piano sociale, e bellissimi ricordi. (P.S:Grazie di cuore Prof.ssa Conti).
1 risultati - visualizzati 1 - 1  
 
 

Altri contenuti interessanti su QScuole